Installazione Suse 10.2 su asus a6km

Caratteristiche portatile
Introduzione
Scheda video
Installazione plug-in Flash player su architetture x86_64
Installazione wifi bcm4318 airforce one 54
intel Corporation PRO/Wireless 3945ABG Network Connection (rev 02)
Aggiunta repository installazione
Installazione ndiswrapper
Installazione lettore multimediale
VLC: video Lan
mplayer
Cambia il punto di montaggio
Tasti multimediali
Assistenza remota: ricevere e farla.
Gestore di messaggi per eliminare lo spam in maniera semplice e veloce
eMule
Installazione di una macchina virtuale
Disabilitazione log-in automatico
Cambio DNS 

Java 1.6.0, solo jdk

StreamRipper + StreamTuner: registrare le radio online

wpa2 personal: connessione wifi senza applet network manager

Conclusioni & Contatti

vedi ancheCaratteristiche portatile:

turion64 mt32
1gb ram
geforce go 7300 256 turbo cache

ricoh sd-mmc-ms card reader
Broadcom AirForce One 54 bcm4318 chip intel Corporation PRO/Wireless 3945ABG Network Connection (rev 02)
su

Introduzione

Carissimi avventurieri di linux openSuse, rilassatevi, non potevate scegliere migliore distribuzione per iniziare!!! Fino a poco tempo fa ero uno dei windows di serie nel pc, ora invece posso vantare di avere un sistema stabile e molto più carino del mio caro vecchio amico. Avere linux nel portatile non significa dire addio a windows, ma solo avere una valida alternativa, sono poche le persone che hanno eliminato del tutto windows, ci sono cose che non possono che essere fatte con windows e altre che è meglio farle con linux.
Se credete di usare giochi di ultima generazione, programmi e altre utility che usavate sotto linux. Su linux non c'è concezione di eseguibile, non c'è installazione "doppio click su setup.exe e poi click sempre avanti", ci sono i pacchetti e il gestore di pacchetti, a loro volta i pacchetti hanno delle dipendenze, altri pacchetti necessari per il funzionamento di quelli che inizialmente volevamo installare. Per i primi tempi è meglio lasciare il gravoso compito della risoluzione delle dipendenze al gestore dei pacchetti, sarà lui a dirci cosa serve e noi ci dobbiamo limitare solo ad accettare.

Alla prima stesura di questa guida ho installato la versione a 32 bit, se non volete avere nessun problema e avere una passiva convivenza con suse allora mettete la 32 bit, se invece volete divertirvi e sfruttare il vostro processore appieno accomodatevi con la 64 bit.

Dopo aver scaricato il dvd dal sito ufficiale ho fatto partire l'installazione con cavo eth attaccato al router, può capitare che siano necessari nuovi pacchetti o che l'installazione stessa proponga di aggiornare alcuni pacchetti.
In fase di installazione ci viene chiesto di selezionare i punti di montaggio e le partizioni dove installare il sistema, io personalmente ho deciso di ridurre windows a 10 giga e i restanti 70 li ho suddivisi in 50, di tipo fat32 (linux scrive e legge su fat32, mentre può solo leggere da ntfs), 19 ext3, il file system per linux e l'installazione della root, come punto di montaggio infatto è root ovvero la sbarra /, l'ultimo giga (poco più di un giga) l'ho lasciato alla swap e come punto di montaggi si da swap.

Il wizard di installazione non è difficile da seguire, poche domande e simili all'installazione di windows...
Giungiamo ad un bivio: gestore del desktop....GNOME o KDE.
Beh gnome è carino, non è semplice ma carino, kde lo trovo molto più intuitivo. GNOME è più giovane di kde, pro e contro sono facilmente immaginabili, ma devo dire che GNOME può essere una bella esperienza...

La suse 10.2 ha un supporto parziale della scheda nvidia, non ha il supporto dell'accelerazione 3d ma è possibile impostare dimensioni di schermo comode. Ha riconosciuto il lettore di memory card e all'inserimento della sd appare una finestra come succede in windows...questo vuol dire che fa l'automount. Bluetooth pienamente riconosciuto e configurabile con i programmi di gestione da yast.

Tasti di scelta rapida che funzionano sono solo la regolazione della luminosità e dello standby, ovviamente quello dello spegnimento...ma è possibile installare programmi di gestione anche di questi tasti, la guida è in fase di elaborazione.

su

Aggiunta repository installazione:

yast>>software>>cambia sorgenti di installazione>>aggiungi:

protocollo

nome sul server

directory sul server

http

download.opensuse.org

/distribution/10.2/repo/non-oss/

ftp

packman.inode.at

suse/10.2

http

download.opensuse.org

/distribution/10.2/repo/oss/

http

download.opensuse.org

/distribution/10.2/repo/src-oss/suse/

http

download.videolan.org

/pub/videolan/vlc/0.8.6/SuSE/10.2

http

download.opensuse.org

/distribution/10.2/repo/src-non-oss/suse/

ftp

packman.inode.at

suse/10.2/i586


su

Installazione lettore multimediale:

Ci sono due tipi di lettori in linux, almeno così sono stati suddivisi...lettori audio e lettori audio e video...sinceramente...ma va****... Qulli che trovate già installati sono Kaffeine e Amarok, Mplayer è uno molto diffuso che fa le veci del vecchio media player di windows... Io consiglio di cambiare del tutto le leggi della comunità e passare a videolan...legge tutto e non da problemi...c'è per windows che per linux, questo secondo me significa molto....perchè una volta che si è installato si può ricevere assistenza sul programma da tutte le parti.
su

VideoLan...meglio conosciuto come vlc player:

Non è necessario, ma lo consiglio, rimuovere amarok e kaffeine. Se li rimuovete di standard tutti i file verranno letti con l'unico gestore di queste estensioni. Così con doppio click parte direttamente vlc...
Installeremo vlc tramite repository, quindi serve la connessione attiva.
Andate su yast>> Software -> sorgenti installazione (questo passo lo saltate se l'avete già fatto prima quando ho dato la lista dei repository)
Aggiungete:
Type: HTTP / Servername: download.videolan.org / Directory: /pub/videolan/vlc/0.8.6/SuSE/<SUSE Version>
Le versioni supportate sono: 9.3, 10.0, 10.1, 10.2. Quindi aggiungete “/pub/videolan/vlc/0.8.6/SuSE/10.2”
Confermate e chiudete il gestore di pacchetti. Vi verrà riferito con un messaggio in ingelese che il repository è marcato da una chiave....accettate tutto e magari importatela pure.
Sempre in yast>>software>>gestione pacchetti>>cerca>>digitate vlc e vi compare la lista accanto con i pacchetti da selezionare, per quanto mi riguarda ho installato solo il programma principale e poi il plug in di firefox. Dando l'ok vi risolverà le dipendenze...in automatico, non dovete far altro che confermare.
Installazione completata, ve lo ritrovate nel menù programmi>>multimedia.
su

mplayer

L'installazionde di MPlayer su SuSE 9.2 e' molto semplice.
Andiamo subito al dunque, saltate questa parte se avete già aggiunto i repository :

- Start YaST e vai Software -> "Change source of installation"

- Premi su "Add -> http"

- Come Server : packman.iu-bremen.de

- Come directory : suse/10.2

Adesso via Yast -> "gestione pacchetti" puoi installare il lettore multimediale MPlayer. I pacchetti rpm verranno scaricati e installati automaticamete, e le dipendeze saranno anche risolte sia online che da CD/DVD (quindi inserite il CD/DVD nel vostro lettore).
Questo e' tutto.

Una volta installato se lo avviate vi potrebbe dare un messaggio di erre, che tradotto in italiano vuole dirvi: “impossibile trovare il file font per i sottotitoli”, date l'ok e lasciate che il programma si avvii. Andate nelle opzioni, che trovate iconizzate come chiave inglese, andate in “font” e selezionate un font scegliendo tra le directory del vostro sistema. Se avete fatto il mount di windows potete sfogliare anche il vostro vecchio sistema, altrimenti ne trovate molti in /usr/share/fonts/truetype/

su

Assistenza remota: ricevere e farla.

Esiste la possibilità di farvi aiutare da altri utenti tramite internet, questa “assistenza” si chiama remota in quanto i due partecipanti, chi la riceve e chi la fa, stanno comodamente seduti a casa loro.
Su windows è disponibile un programma gratuito che si chiama real vnc, scaricabile dal sito www.realvnc.com, esistono le versioni per linux, mac e windows di questo programma, ma il vnc è un protocollo oramai libero e quindi ognuno si fa la sua versione....tant'è che in suse c'è pure....
Prima cosa da sapere è il tipo di connessione, se siete dietro un router e questo gestisce più pc, è necessario impostare le regole di routing... Chi ha la “vela” dell'alice, il nuovo router telecom, alice gate w2+, deve aggiungere un virtual server nella lista. Se non sapete come aggiungere una porta sul vostro router potete cercare tra le guide di emule, ci sono molte configurazioni.
Menù kde>>applicazioni>>sistema>>accesso remoto:
Accettare assistenza: condivisione descktop,
Click su configura>>permetti connessioni non invitate>>si è attivato il campo per settare la pasw e ne mettete una
sessione>>disabilita l'immagine di sfondo
rete>>togliete l'x in assegna porta automaticamente e mettete la porta che volete o lasciate quella che trovate, l'importante è che sappiate quale sia per poter settare le regole nel router
Date l'ok
Ora dovrebbe bastare che date il vostro ip a chi vi deve offrire assistenza.
Offrire assistenza: connessione a desktop,
Inserite l'ip dell'utente due punti e porta che ha settato l'utente.
es 123.456.789.0:5900
Per rendere più veloce il controllo potreste settare nelle preferenze la bassa qualità....

Per gnome:
Sinceramente qui non è stato così semplice quanto lo sia stato per kde, esiste il classico vnc con server e viewer, di certo so come funziona il viewer: alt+f2 e scrivete vncviewer, vi compare la piccola finestrella di vnc per l'ip e dovete utilizzare questa sintassi per l'ip: aaa.bbb.ccc.ddd::porta, importantissimi sono i due due punti ( : : ) per specificare una porta differente dalla standard.
vnc1

Per lanciare il server dovrebbe bastare il comando vncserver, dove si setta la password nel caso in cui non è stata già settata. Io preferisco lanciarlo da shell così so a che display fa riferimento

palemmo64@palemmo64:~> vncserver

New 'X' desktop is palemmo64:3

Starting applications specified in /home/palemmo64/.vnc/xstartup
Log file is /home/palemmo64/.vnc/palemmo64:3.log

per chiuderlo poi si deve dare il comando

palemmo64@palemmo64:~> vncserver -kill :3
Killing Xvnc process ID 5872

c'è uno spazio tra -kill e :3

su

Gestore di messaggi per eliminare lo spam in maniera semplice e veloce.

Io ho molte caselle email e sotto windows usavo un programma, poptray, che si preoccupava di scaricare solo le intestazioni dei messaggi, in circa 60-80 secondi scaricava le intestazioni dei miei account di posta. Senza questo programma impiegavo anche 30 minuti per scaricare le mie mail....con un gprs era da escludere!!! Tra persone che con adsl mandavano allegati da 30 mega e catene di sant'antonio era una tortura.... Dopo varie ricerche ho trovato KshowMail, un applicativo per kde che fa una cosa simile, non li suddivide bene come lo fa poptray...ma è qualcosa.
Si impostano gli account, l'intervallo di controllo e il metodo di notifica. Si riduce ad icona il programma e questo ogni x secondi controlla la presenza di nuovi messaggi, se è così viene notificato.
Per installarlo basta semplicemente:
http://downloads.sourceforge.net/kshowmail/kshowmail-3.1.1-0.pre4.su101.i586.rpm
salvarlo sul disco e poi aprirlo con doppio click.
Il sito si trova qui: http://kshowmail.sourceforge.net/

su

Installazione eMule....ora da chiamare aMule:

Bene per chi ha impostato il repository di packman.inode.at basta cercare tra i pacchetti con yast.... Oppure potete sfogliarla con firefox:
http://packman.inode.at/suse/10.2/i586/
cercate aMule, lo salvate sul pc e lo eseguite direttamente con doppio click....parte l'installer e vi chiede il 3°cd o il dvd per risolvere una dipendenza.
Una volta avviato la procedura è sempre la stessa di windows...in alto vi strovare una url con il .met da cui scaricare la lista. Vi consiglio di seguire le stesse regole di protezione che ci erano state suggerite in precedenza...ovvero quella di non lasciare che alla connessione ad un server si scarichi la lista di altri server.
Non so quanto legale sia..ma non l'ho messo in evidenza come tutti gli altri...diciamo che ci sarebbe un altro modo di scaricare le cose...leggi
su

Disabilitazione log-in automatico.

E' diventato molto seccante il fatto che ad ogni avvio della mia macchina mi venga già caricato l'utente....preferisco invece che sia io ad inserire nome utente e passw....per questo non ho dovuto far altro che: Yast>>Sicurezza e utenti>>Modifica o crea utenti>>Opzioni per esperti (embè quasi quasi divento rosso a farci click)>>Impostazioni di login>>tolta la spunta in Log-in Automatico. Salvate le modifiche cliccando su fine.
su

Cambio DNS.

Spesso a me capita che nonostante riesca a pingare il router non riesco a pingare un indirizzo web. Se invece di fare il ping verso un www.sito.it facciamo un ping verso l'ip che questo sito.it ha nella rete e otteniamo una risposta allora il problema sta nell'impostazione errata del dns. Chi sta dietro un router ha due possibilità: mettere i dns nelle impostazioni del router, di solito si trova la voce apposita nella sezione lan options o simile, oppure impostare manualmente l'indirizzo ip del dns.
Con la prima opzione, una volta ipostati i dns nel router basta impostare il router come gateway nella configurazione della scheda di rete, oppure seguendo le righe successive può impostare il router come dns primario. Questo comporta un leggero ritardo nella risposta, si parla di nano secondi...ma ci stanno.... In pratica il pc host chiede la risoluzione del www.sito.it al router il quale a sua volta lo chiede al dns che abbiamo settato noi...ma allora se possiamo raggiungere direttamente il dns noi perchè non possiamo chiederlo direttamente a lui?
Chi invece ha un modem ethernet oppure non ha accesso al router può scegliere direttamente la seconda opzione, impostare manualmente i dns nel proprio pc.
Per modificare le impostazioni del dns bisogna che il pc sia in modalità off line, quindi staccate ogni cavo di rete, disabilitate la scheda wifi oppure se usare il network manager basta cliccare con il tasto destro sull'icona e selezionando opzioni si trova la voce modalità offline.
Successivamente avviate yast e andate in servizi di rete>>nome host e dns>>togliete la spunta in basso a sinistra “aggiorna l'elenco dei server dei nomi tramite dhcp”>>potete inserire ora i vostri dns.
Per alice sono:
dns1: 80.20.6.36
dns2: 212.216.112.112
Per eutelia:
dns1: 62.94.0.1
dns2: 62.94.0.2
Sono quelli che conosco altri li potete trovare facendo una ricerca su google...
su

Installazione jdk 1.6.0

Trovate quello che serve in questa pagina , scaricate il pacchetto che vi serve per la vostra architettura, ovviamente pacchetti linux rpm io ad esempio ho preso jdk-6-linux-amd64.bin perchè questa era la mia architettura e la mia intenzione...TUTTO 64 BIT!!!! Bene questo pacchetto va messo dentro la cartella /opt/ e vi dico come. Sapete che dentro /opt/ può scrivere solo il root, quindi apriamo la shell e scriviamo "su" inserite la pass di root e posizionatevi nella cartella dove avete scaricato il file .bin. Ora lo muoviamo in opt digitando semplicemente
mv jdk-6-linux-amd64.bin /opt/jdk-6-linux-amd64.bin
ovvero tradotto
move jdk-6-linux-amd64.bin to /opt/jdk-6-linux-amd64.bin

E posizionatevi in "/opt/jdk-6-linux-amd64.bin" digitando nella konsole
"cd /opt/jdk-6-linux-amd64.bin"
una volta dentro digitate "ls", da la lista dei file e cartelle che ci sono in questa directory, se c'è dentro il .bin allora non dovete far altro che digitare "./jdk-6-linux-amd64.bin"
dando di nuovo "ls" vi trovate un file .rpm (i pacchetti installanti di linux, i vecchi exe di windows). Installate l'rpm digitando
"rpm -i jdk-6-linux-amd64.rpm" oppure potete farci click sopra e parte il ZENworks...un'altro gestore di pacchetti.
A fine installazione avrà creato una directory all'interno di /opt/, dovrebbe essere /opt/jdk1.6.0 ora non ci servono più nè l'rpm ne il bin quindi per cancellarli dalla shell che avete ancora aperto

rm jdk-6-linux-amd64.bin
rm jdk-6-linux-amd64.rpm

Digitando ora
/opt/jdk1.6.0/bin/java -version

vi dovrebbe uscire una cosa del genere:

java version "1.6.0"
Java(TM) SE Runtime Environment (build 1.6.0-b105)
Java HotSpot(TM) 64-Bit Server VM (build 1.6.0-b105, mixed mode)

Ora viene il difficile, settare la variabile d'ambiente:
Dovreste essere ancora loggati come super utente nella shell quindi potreste lanciare questo comando
"gedit"
si apre un editor di testo e dentro ci incollate

export JAVA_HOME=/opt/jdk1.6.0
export PATH=$PATH:$JAVA_HOME/bin

salvate in questo percorso /etc/

E' importante che il nome del file sia profile.locale. Tutto questo perchè: quando si avvia il pc, suse chiama il file profile al login e qui noi abbiamo creato una variabile d'ambiente JAVA_HOME e l'abbiamo aggiunta al path di sistema, in questo modo quando viene eseguito il comando "javac" viene caricato il compilatore dalla directory settata nel path.
Infatti digitando
"echo $JAVA_HOME" la risposta è "/opt/jdk1.6.0" e di nuovo "java -version"
java version "1.6.0"
Java(TM) SE Runtime Environment (build 1.6.0-b105)
Java HotSpot(TM) 64-Bit Server VM (build 1.6.0-b105, mixed mode)

E con il jdk abbiamo finito, sto lavorando al jre a 64bit...questione di giorni...
su

Conclusioni & Contatti

yahoo messenger palemmo83